Stampa

San Martin - Kenya - Nuova Chiesa

Il Progetto chiesa mette le ali.

Da circa tre anni s’è parlato anche su questa nostra Rivista del Progetto S. Martin in Nairobi (Kenya).

Costruire il tempio è costruire la chiesa!

E’ stato detto tante volte che la costruzione di un tempio ha la duplice funzione di creare un efficace simbolo religioso sul territorio (Dio entra nella storia dell’umanità) ed una trasforma- zione interiore dei fedeli. Il tempio è simbolo della crescita di una comunità: non solo numericamente ma sopratutto  qualitativamente.

Costruire i cristiani!

Certamente la santificazione è opera e dono di Dio. Ma Egli si serve abitualmente dell’opera di fratelli e sorelle suoi collaboratori e collaboratrici. In Kenya, per opere del genere, si parla di Harambee, cioè  raccolta di offerte da parte di molti, non importa la quantità nè la provenienza tribale o la stessa fede religiosa. Questa tendenza all’integrazione è già un fatto positivo che potrebbe aprire la strada allo sviluppo di valori religiosi e di conversione.

Informazioni e statistiche.

La parrocchia di Kariobangi Nord – inserita in una vasta società di circa 300.000 abitanti - è divisa in tre gruppi cui si cercò di dare una chiesa capace di accogliere i fedeli alla Domenica ed altre circostanze religiose. Dei circa 60.000 fedeli più di 15.000 sono assidui frequentatori. La nuova chiesa - che è la terza - conterrà circa 1.500 persone (3 volte in più dell’attuale) grazie anche ad una vasta balconata a gradini. Sarà una struttura semplice e lineare in cemento armato e blocchi di pietra locale; luminosa e ben ventilata per le condizioni atmosferiche equatoriali; i fedeli sono a breve distanza dell’Altare e la partecipazione è resa  più facile dalla pendenza moderata del pavimento. Infine, ci saranno ampie superfici parietali da destinare, in seguito, a dipinti biblici, come un catechismo pittorico. Insomma una presenza viva e non incombente tra le abitazioni della gente. In un contesto degradato, povero ma anche mal gestito, è importante dare un messaggio di sviluppo edilizio razionale e secondo le leggi, congruo ai bisogni basilari. In questo contesto si farà il possibile per avere l’impianto elettrico ad energia solare, anche al fine di promuore l’energia alternativa: quì il sole non manca! 

Il terreno è costato circa 200.000 euro (22 milioni di scellini); la costruzione costerà circa 400.000 euro (40 milioni di scellini).

Il nostro Santuario sta contribuendo generosamente al Progetto.

Il sito del Santuario www.santuario.it darà le informazioni aggiornate sul progetto.

Don Pietro Caggiano è a disposizione per ogni ulteriore richiesta:
E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Posta: Fr. Pietro Caggiano C.B.C. -P.O. Box 21681 Kenya - 00505 - Nairobi

Offerte:  “Missionari Comboniani Mondo Aperto- ONLUS” – Vicolo Pozzo, 1 – 37129 Verona

Banca Popolare Etica:

BIC/SWIFT : CCRTIT2T84A

IBAN: IT 68 V 05018 12101 000000512250. Aggiungere la motivazione: Progetto S. Martin – Nairobi.

Con il 5x1000: Missionari Comboniani Mondo Aperto Onlus

CF: 93138170233