Stampa

Nave della legalità

Nave-della-legalitàAnche i ragazzi dell’Istituto Professionale “Bartolo Longo” del Santuario di Pompei sono saliti a bordo della “Nave della legalità” che, ieri 22 maggio, è salpata dai porti di Napoli e Civitavecchia per raggiungere Palermo in occasione delle celebrazioni del XX anniversario della strage di Capaci. Nel capoluogo siciliano, circa 20 mila ragazzi parteciperanno alla commemorazione del 23 maggio, giornata conclusiva delle celebrazioni in ricordo dei giudici Giovanni Falcone e Paolo Borsellino.
 
Le due navi della legalità, che avranno come passeggeri centinaia di studenti di 250 scuole italiane, hanno raggiunto il capoluogo siciliano per dire un deciso “NO alla mafia”.
La giornata di commemorazione è il passo finale di un percorso di educazione alla legalità, promosso e organizzato dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca e dalla Fondazione Giovanni e Francesca Falcone, che ogni anno prevede un concorso nazionale dedicato alle scuole. I ragazzi potranno confrontarsi con importanti figure delle istituzioni e delle associazioni che si occupano di legalità. Sulla nave salpata da Civitavecchia sono presenti il Ministro Francesco Profumo e il Procuratore Nazionale Antimafia Piero Grasso. Sulla nave partita da Napoli, il Presidente di Libera, don Luigi Ciotti e i due Sottosegretari Marco Rossi Doria ed Elena Ugolini. Continua così l’impegno della Chiesa di Pompei nell’educare al rispetto della legge, fondamento del vivere civile. Proprio nei giorni scorsi, il 18 e il 19 maggio, si è svolto nella città mariana il tradizionale Meeting dei Giovani, che ha dedicato grande spazio al tema della legalità. Il mese di maggio vedrà impegnati i ragazzi del “Bartolo Longo” anche in un’altra importante iniziativa: il progetto “Educazione ambientale”. Legalità significa infatti anzitutto promozione e tutela del cittadino nella reciprocità di diritti e doveri.