Stampa

Professioni Perpetue

professioni perpetueGrande gioia e rendimento di grazie a Dio, nel Santuario di Pompei, per la Congregazione delle Suore Domenicane Figlie del Santo Rosario di Pompei, sabato 3 settembre 2016. Sette religiose: M. Bernadetta Kuriappilly, M. Cristina Mukkath, M. Elena Gunudaton, M. Michela Saima, M. Enrica Dhiu, M. Dorothea Sedong e M. Kristina Wela hanno emesso la professione perpetua. Altre tredici: M. Sara Mantala, M. Caterina Datuin, M. Giovanna Apasolic, M. Nunziatina Del Gatto, M. Olga Caliendo, M. lidia Sammarco, M. Luigina Fusco, M. Agnese Piscopo, M. Paolina Manzo, M. Ester Rispoli, M. Cherubina Garofalo, M. Leonia Verducci e M. Melania Siciliano hanno rinnovato la loro consacrazione dopo 25, 50 o 60 anni di vita
religiosa. Le Suore Domenicane Figlie del Santo Rosario di Pompei sono state fondate dal Beato Bartolo Longo nel 1897 perché dedicassero la loro missione anzitutto a Pompei, al Santuario della fede e della carità, dove profondono tutto il loro impegno. Da alcuni decenni hanno aperto case all’estero (India, Filippine, Indonesia, Camerun), dedicandosi anche alla missione. Nell’omelia, l’Arcivescovo-Prelato, Mons. Tommaso Caputo, ha incoraggiato le suore a vivere con sempre maggiore slancio la propria vocazione, alla luce delle parole suggerite dalla liturgia del giorno: sapienza, discepolato e fraternità, che indicano a tutti i cristiani e, in particolare, ai consacrati la strada da seguire per essere alla sequela di Cristo. La Madonna di Pompei e il Beato Bartolo Longo benedicano e proteggano queste religiose e facciano nascere nuove vocazioni nella nostra città e nel mondo, per la maggior gloria di Dio e della Chiesa!