• vetrataÈ in corso, in Terra Santa, il pellegrinaggio della Luogotenenza per l’Italia Meridionale Tirrenica dell’Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme. “In cammino come i nostri Padri nella terra di Gesù di Nazaret”, è il tema scelto per il viaggio, in programma fino al 10 giugno. Guidati dal Gran Priore della Luogotenenza per l’Italia Meridionale Tirrenica dell’OESSG, Mons. Beniamino Depalma, Arcivescovo emerito di Nola, dal Priore della sezione Napoli - Beata Vergine del Rosario dell’OESSG, Mons. Tommaso Caputo, Arcivescovo di Pompei, e dal Luogotenente per l’Italia Meridionale Tirrenica dell’OESSG, il Cavaliere di Gran Croce Giovanni Battista Rossi, le dame e i cavalieri hanno donato alla Basilica dell’Annunciazione di Nazareth una vetrata raffigurante la Madonna di Pompei, Bartolo Longo e il Santuario, inaugurata il 4 giugno.
  • sup mag 19L’Arcivescovo Edgar Peña Parra, Sostituto per gli Affari Generali della Segreteria di Stato, ha presieduto, oggi, 8 maggio 2019, la santa Messa e la Supplica alla Vergine del Rosario di Pompei. Nell’omelia ha ricordato l’opera instancabile del Fondatore della città mariana, il Beato Bartolo Longo, per la diffusione del Rosario e la promozione sociale, definendo il Santuario “oasi di speranza” e “casa di misericordia”. Ha, poi, invocato Maria Santissima, “colei che per prima ha creduto con tutta se stessa alla Parola”, chiedendole di accogliere tutte le preghiere dei devoti, che in Lei sono certi di trovare “comprensione, conforto, sostegno e luce”. Nel saluto iniziale, l’Arcivescovo-Prelato di Pompei, Mons. Tommaso Caputo, dopo aver ringraziato Papa
    Leggi tutto...
  • primi venerdiEra grande la devozione del Beato Bartolo Longo per il Sacro Cuore di Gesù. In Santuario, l’istituzione di tale culto è nata dal voto fatto da Bartolo Longo e dalla Contessa per la guarigione del figlio di lei, Francesco, colpito da un grave morbo. L’altare, dinanzi a cui ancora oggi numerosi fedeli sostano in preghiera, venne consacrato il 7 maggio 1891. Nel dipinto che vi è custodito, santa Margherita Maria Alacoque è inginocchiata all’altare e Gesù, che discende da cielo seguito dagli angeli, le mostra il Sacro Cuore. Lo strepitoso raggio di luce che esce dal cuore di Cristo rende la scena veramente mistica, mentre particolarmente suggestivo è il contrasto tra il calore della luce divina e la freddezza degli abiti monacali, contrasto trapassato
    Leggi tutto...
 

Supplica alla Vergine

 

I Papi e Pompei

 
 

1979

 

2003

 

2008

 

2015

 
S.E. Mons.

Tommaso Caputo

Donazione PayPal

Importo:
Donazione per le Opere sociali del Santuario, che è possibile conoscere nel dettaglio, consultando la sezione in basso.

Orari e Celebrazioni

Il Rosario e la Nuova Pompei
 

OFFERTE AL SANTUARIO

 
borse_studio

Borse di Studio

Leggi Altro >>
home_restauro

Restauro

Apri >>
Stampa

Home Page

Pompei è opera di Dio

tempio dello Spirito, luogo di conversione e di riconciliazione, di misericordia e di preghiera, di spiritualità e di santità. È città di Maria, venerata come Vergine del Rosario, alla cui scuola milioni di pellegrini imparano ad ascoltare le parole del suo figlio Gesù e a farne una ragione di vita.

Pompei è dono dell’amore di Bartolo Longo

un innamorato della vita, un avvocato santo, che, animato da una straordinaria pietà mariana, ha impegnato tutta la vita a servizio del Vangelo, costruendo una nuova città dell’amore.

Pompei è Rosario

progetto di vita, via che conduce alla contemplazione dei misteri della salvezza, rifugio sicuro nelle prove della vita, catena che lega i cuori a Dio e ci fa fratelli. È Supplica, preghiera filiale, fiduciosa e devota alla Madre del Signore. È missione mariana, mandato apostolico, servizio della Parola, impegno di annuncio della buona notizia del Vangelo con Maria e per Maria, la Vergine dell’ascolto e del fiato.

Pompei è laboratorio di solidarietà e di promozione umana

migliaia di ragazzi e ragazze, di uomini e donne, vittime del disagio sociale, sono stati accolti e restituiti alla propria dignità umana, sperimentando il calore di una casa e di una famiglia.

Pompei è crocevia di uomini e di popoli

di culture e di nazionalità, luogo di incontro di una umanità assetata di Dio e desiderosa di legalità e di giustizia, di speranza e di pace. È portale d’eternità, proiezione dell’umanità nel tempo di Dio, profezia sul futuro dell’uomo e della storia. È “città posta sul monte” per indicare a tutti gli uomini di buona volontà il cammino da compiere per raggiungere, guidati dalla Vergine Maria, la città di Dio, la santa Gerusalemme.