Stampa

Missione Australia Melbourne

melbourneDopo Adelaide, l’Icona della Madonna pellegrina del S.Rrosario di Pompei, è giunta nella comunità del Santuario di S. Antonio a Hawthrorn. Ad accoglierLa assieme alla Delegazione giunta dal Santuario di Pompei sono stati P. Luciano, Rocco Carbone, Lino Lazzaro, Tony Chiechi, Mons. Franco Cavarra, la Sig.ra Lina De Luca e Pino Acquaro. Anche qui a Melbourne un passaggio di grazia, una visita storica, ricca di significato, di devozione e di fede. Da Melbourne, quando la Vergine giunse a Sydney, nel novembre del 2005, in tanti si portarono in aereo, e mai smisero di pregarLa. Nei giorni di permanenza nel Santuario di S. Antonio, la Delegazione ha rincontrato la Sig.ra Maria Recce in Sottile che con suo marito Pasquale, giunse a Sydney per strappare alla Madonna una richiesta d’aiuto, che non è tardata ad arrivare. In quel periodo la sig.ra Maria, sorella di suor Celina suora figlia del S. Rosario di Pompei, era affetta da cancro alla mammella, dal quale poi dopo aver toccato l’immagine, miracolosamente è guarita.

Con grande fede e commozione , la sig.ra Maria  si è recata davanti l’Icona per ringraziarLa e mai, come,  tanti connazionali ha smesso di invocarLa.La piena di Grazie sicuramente non ha disatteso i tanti che Le si sono rivolti. I padri missionari sono stati accolti dall’Arcivescovo di Melbourne Mons. Denis Hart, che molto ha apprezzato la missionarietà del Santuario di Pompei, quella della diffusione del Vangelo di Cristo attraverso il Santo Rosario. Nei diversi incontri di catechesi e di riflessioni tenuti, ci si è soffermati anche sulla forte devozione alla Madonna di Pompei, sull’importanza del S. Rosario, sulla Fede, sulla Preghiera e sul significato religioso dell’Effige stessa, ricca di tanti spunti evangelici cristologici, nonché della missione della Chiesa di Pompei, sulla conoscenza di Cristo  e di assistenza ai più bisognosi. In questo senso Pompei è diventata anche un centro di aiuto per i poveri, gli orfani ed i giovani. Le opere di carità qui sono associate all’insegnamento del Vangelo ed alla devozione della Madonna. Sono trascorsi 136 anni, da quando il Beato Bartolo Longo ha portato l’Icona a Pompei ed oggi la Sacra Effige è presente nelle case e nelle chiese di tutto il mondo. Parrocchia, Santuario del mondo, così definita dai Papi, Pompei è diventata un centro di forte devozione mariana con  lo specifico compito di diffondere il Santo Rosario, come strumento che irradia ed  unisce tramite lo sguardo materno di Maria al volto di Cristo. A chiusura della missione il 13 novembre si è celebrata la S. Messa al Reggio Calabria Club dove al termine tutti i presenti a ricordo di ciò che accade a Pompei, hanno baciato la Mamma celeste.

E' possibile visualizzare tutte le foto nella sezione Photogallery