Stampa

Lettera a Papa Francesco

papafraIn occasione della santa Messa Crismale, l’Arcivescovo di Pompei, Mons. Tommaso Caputo, assieme a tutto il clero pompeiano, ha scritto una lettera al Sommo Pontefice per esprimere la loro gioia per la Sua elezione ed invitarlo a compiere presto una visita pastorale nel “Suo Santuario”. La lettera, composta in occasione della celebrazione del Mercoledì Santo, durante la quale vengono consacrati gli Oli Santi e i presbiteri rinnovano le promesse fatte nel giorno dell’ordinazione sacerdotale, vuole sottolineare anche “l’impegno di conformazione a Cristo, per una testimonianza viva e autentica del Vangelo”, come ha indicato lo stesso Papa. Mons. Caputo ha, inoltre, messo in risalto il profondo legame tra la Sede di Pietro e

il Santuario di Pompei, donato da Bartolo Longo alla Santa Sede, e meta di pellegrinaggio dei suoi predecessori.

Ecco il testo della lettera:

Pompei, 28 marzo 2013
 
Padre Santo,
in preghiera per la Messa Crismale, abbiamo rinnovato l’impegno di conformazione a Cristo, Crocifisso e Risorto, per una testimonianza viva e autentica del Vangelo, come Lei ci ha indicato sin dai primi momenti del Suo ministero petrino.
Dal Santuario della Vergine del Rosario di Pompei, intorno al quale l’Avvocato Bartolo Longo, proclamato Beato nel 1980, costruì una cittadella della carità per i minori poveri ed emarginati del suo tempo, intimamente legato alla Sede di Pietro, dal suo sorgere, e fatto oggetto della continua benevolenza dei Sommi Pontefici  (alcuni di loro sono  stati anche pellegrini nella città mariana, come Giovanni Paolo II e Benedetto XVI), eleviamo la nostra fervida preghiera alla Vergine Maria perché, con la sua materna intercessione, La sostenga e La accompagni nel Suo servizio, che auspichiamo fecondo di opere dello Spirito per il bene della Chiesa e dell’umanità.
Esprimiamo altresì la speranza di una Sua visita pastorale a Pompei - il Suo Santuario, dono del Beato Bartolo Longo alla Santa Sede - e desideriamo manifestarLe comunione profonda, docile obbedienza e filiale affetto.
Santa Pasqua, caro Papa Francesco, e ci benedica!
 
† Tommaso Caputo
e i sacerdoti della Prelatura di Pompei